Che cos’è, a cosa serve e come utilizzare un portabici

Chiunque sia appassionato di pedalate all’aperto non può fare a meno di portare con se la sua amata bicicletta. Oggi più che mai è indispensabile avere un portabici per auto, sia per il ritrovato utilizzo di un accessorio che non è mai passato di moda, sia perché è sempre piacevoli ritrovarsi in compagnia e poter fare una passeggiata con la propria bici anche lontano dalla città.

Che cos’è il portabici e come funziona

Il portabici è un accessorio che viene ancorato all’automobile e permette di trasportare in totale sicurezza la o le proprie bici. La scelta ovviamente dipende molto dall’utilizzo che se ne intende fare e se si è da soli o con una famiglia numerosa armata di tante bici. Il portabici viene diviso in tre categorie differenti, questo infatti può essere allestito sul tetto dell’auto, posizionato sul lato posteriore oppure sistemato sul gancio di traino della vettura. Ognuna di queste tipologie presenta caratteristiche differenti che possono sposarsi meglio con delle esigenze piuttosto che altre. L'acquisto di un portabici permette diversi vantaggi all'utilizzatore. L'utilizzo di questo sistema è certamente quello più utile e semplice per il trasporto di biciclette. Pensare di agganciare un vano esterno per trasportarle potrebbe essere sicuro ma non è nè economico nè tantomeno facile. Ovviamente è possibile scegliere un modello che si sposi con le proprie esigenze. Ognuno è accessoriato in modo differente quindi è bene pensarne l'utilizzo finale: quante biciclette occorre trasportare? si tratta di biciclette voluminose e pesanti o di piccole bici destinate ai bambini? Questo è molto importante e potrebbe orientare in una direzione piuttosto che un'altra. L'importante è sempre prediligere la sicurezza e scegliere materiali idonei al trasporto di oggetti pesanti.

Tipologie di portabici: pro e contro di ogni modello

PORTABICI PER IL TETTO DELL’AUTO

Si tratta dell’installazione di un binario su cui è possibile incastrare le ruote della bici. Lo stesso è inoltre dotato di una sorta di braccio che stringe in una morsa il tubo tenendo perfettamente ferma la bicicletta stessa. È anche possibile adagiare la bicicletta senza ruota anteriore per tenerla più bassa e quindi evitare problemi con il vento. I vantaggi di questo tipo di posizionamento sono la possibilità di avere libero l’accesso al portellone quindi potendo scaricare e carica i bagagli senza problemi. Non avere interferenze nella visuale e quindi possibilità di parcheggiare ovunque perché di fatto l’ingombro è sulla macchina e non dietro. Altra facilitazione è la comodità di poter togliere la bicicletta e lasciare montato il portabici. Non è ideale questo tipo di sistema per l’aerodinamicità della vettura, ovviamente si avrà un maggiore consumo di carburante, soprattutto se il viaggio è in lungo e in autostrada. Caricare e posizionare una bici pesante sul tetto è ovviamente un lavoraccio ed è quindi comunque molto faticoso. Inoltre questa installazione crea molto volume sulla parte superiore, potrebbe quindi essere difficile parcheggiare in alcune zone custodite con un accesso basso.

PORTABICI PER IL GANCIO DI TRAINO

Questo modello prevede la predisposizione dell’auto alla possibilità di sistemare il gancio (per chi non lo avesse deve quindi essere acquistato a parte). Questo modello di portabici viene ancora al gancio di traino ed è possibile fissare con le morse il telaio. Alcuni modelli sono utili anche per trasportare altre cose. I vantaggi di questo attacco sono sicuramente la possibilità di avere un posizionamento più sicuro. Inoltre è anche questione di spazi infatti con un modello unico si possono legare più biciclette. La vettura non risentirà della presenza dell’ingombro in termini di aerodinamicità e sarà molto più facile montare e smontare il tutto. Ovviamente il lato negativo è il costo, simili modelli non sono certo economici, a volte sono complessi da montare e quindi richiedono l’intervento esterno e il pagamento allo specialista. Inoltre dipendono dal gancio dell’auto, non tutti i modelli ne sono provvisti e molti non possono neanche averlo. Bisogna fare una serie di verifiche prima dell’acquisto. Questi portabici intralciano la visuale del veicolo, coprono la targa e impediscono di aprire il bagagliaio prima di smontare tutto. Non sono quindi semplicissimi da utilizzare in questo senso.

PORTABICI PER IL PORTELLONE DELL’AUTO

Questo modello di portabiciclette è quello che meglio si adatta a tutti i tipi di vettura. È possibile montare in delle fessure il meccanismo e tramite ganci e fascette si fissa la bicicletta per il trasporto. Questo metodo è facile e perfetto per chi non ha il gancio di traino. Uno dei maggiori vantaggi è quello economico, infatti questi accessori costano poco. Sono facili da montare e caricare la bici è molto semplice con poco ingombro rispetto agli altri sistemi. Ovviamente ci sono dei lati negativi, la bici va a posizionarsi proprio sulla visuale quindi quasi è impossibile guardare alle spalle della vettura. Deve essere apposto un cartello per carichi sporgenti pena una multa e comunque vi è l’ostacolo dinnanzi al portellone che ne impedisce l’apertura. Bisogna fare molte attenzione in fase di montaggio in quanto la bici deve essere tenuta ben equilibrata. È la scelta ideale per chi vuole caricare una sola bicicletta e non vuole spendere molto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi